Museo archeologico provinciale

Espone reperti archeologici rinvenuti negli scavi condotti in Basilicata e riferibili al periodo compreso tra preistoria e tarda età romana. Al piano inferiore, nell'ambito della mostra documentaria "Antichidentità", puoi visitare la sezione pre-protostorica intitolata a Francesco Ranaldi con i più significativi reperti provenienti dagli scavi nell'area del bacino di Atella, dalle grotte di Latronico, da Oliveto Lucano. Al primo piano sono custoditi i materiali riferibili alle tre grandi forme di popolamento in Basilicata (Enotri, Greci, Lucani) a partire dall'VIII secolo a.C. e reperti ascrivibili al processo di romanizzazione (IV secolo a.C. fino alla prima età imperiale). Il museo comprende, inoltre, una sala di consultazione con mille volumi di archeologia, cataloghi di mostre e testi d'arte. La vicina Pinacoteca provinciale ospita l'esposizione permanente di opere pittoriche e scultoree di proprietà della Provincia.

Dal martedì al sabato: 9:00–19:00; chiusura: domenica e lunedì

sedi
Santa Maria
Via Ciccotti (rione Santa Maria) e Via Lazio 18