Palazzo Riviello

Tra via Pretoria e via Alianelli, il palazzo è stato edificato nel XVII secolo. In passato dimora dello statista Nicola Alianelli, ne conserva ancora il ricordo sulla facciata dell'ingresso secondario rappresentato da un'epigrafe dedicatoria. Sottoposto ad interventi di consolidamento delle fondamenta, durante gli scavi è stata portata alla luce una buca delle lettere in pietra, recante l'iscrizione A.D. 1824 e il simbolo del giglio fiorentino. Restaurata, la buca è ancora visibile, in quanto posta all'ingresso del palazzo e visibile attraverso la vetrata del portone in ferro dell'attuale gioielleria Riviello. All'esterno è rimasta del tutto inalterata la cancellata della cella che, presumibilmente, fungeva da sosta per i prigionieri in attesa di giudizio, considerando che poco più avanti aveva sede il tribunale.

sedi
Sopra Potenza
Via Pretoria 105